giovedì 3 ottobre 2013

Intel Arduino Galileo scalda un po' troppo, meglio mettere un dissipatore

Appena tornato a casa dalla Maker Faire di Roma ho subito tolto dall'imballo il nuovo giocattolo che sono riuscito ad accaparrarmi grazie alla mia capacità di spiccare sulla folla.
Aggiornato il firmware e caricato l'esempio blink in 10 minuti, mi sono accorto che oltre che bello e potente, il nuovo arduino è fiammante, in tutti i sensi.
Il processore infatti è sprovvisto di un dissipatore, e considerando che l'assorbimento massimo dichiarato è di 2A a 5V, capite subito che la possibilità di surriscaldarsi è alta.


Vediamo cosa fare


In un primo momento avevo deciso di montare un minidissipatore 3x3cm con ventola da 5V, di quelli recuperati dai vecchi box per hard disk estraibili.
Idea scartata perchè per qaunto funzionante, impedirebbe il montato di Shield aggiuntive per Arduino, la cui compatibilità è uno dei punti di forza di questa eccezionale scheda.
Optiamo quindi per un minidissipatore semplice, di quelli che si trovano sui processori di alcuni router.


Diamo una bella pulita ai residui di colla


Armiamoci di materiali all'altezza del compito


E con estrema delicatezza procediamo a dosare la pasta termica e a posizionare il dissipatore




La pasta termica farà il suo lavoro, ma c'è ancora un problema. Questa infatti non farà da fissante, perchè è fatta per non asciugarsi. Serve quindi un modo per non far spostare il dissipatore ogni qual volta maneggiamo la scheda.
Su una motherboard avremmo dei fori per le viti, ma qui....
L'idea era di usare della colla a caldo, che avrebbe tenuto benissimo, ma sarebbe stata rischiosa da togliere un giorno, perchè aderisce troppo forte, e su componenti anche piccolissimi.
Soluzione? ------> PLASTIDIP


Per chi non lo conoscesse, diciamo che è una plastica che si può trovare principlamente liquida e in spray, è isolante elettricamente e adatta a mille usi.
Ha il vantaggio di essere spalmabile come una colla vinilica, e una volta asciutta è resistentissima ma anche facile da rimuovere.


 Armato di pennellino di precisione, ho quindi attentamente cosparso il bordo del processore in modo da inglobare il dissipatore




Una volta asciutto sarà perfettamente saldo al suo posto.

Finito!

Ci vediamo per il primo progetto ;)


14 commenti:

  1. first lol :D sto rosicando troppo. sul serio. bella storia comunque sto Galileo, sembra una bestia :D

    RispondiElimina
  2. lo sapremo presto, domani prototimi h24

    RispondiElimina
  3. Sono troppo curioso di sapere come va...
    Prezzo??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla conferenza il CEO di Intel non ha dato un prezzo esatto, ma ha detto che sarà competitivo con gli altri prodotti simili presenti sul mercato.

      Elimina
  4. Ma quanta pasta termica hai messo ?!!! LOL :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella che serviva tranquillo, appena schicciata ne è uscita meno di un millimetro

      Elimina
    2. Tu sei fuori. Un millimetro di spessore per la pasta termica e' un delirio.Sul die delle CPU da desktop si mette un chicco di riso di pasta (scusate il gioco di parole), su quello credo che mezzo chicco basti e avanzi.
      Ricorda che se anche ha un'alta conducibilita', piu' ne metti peggiori sono le caratteristiche dinamiche, ovvero quanto tempo ci mette il calore a trasferirsi. La pasta termica deve solo riempire i microgap d'aria tra die e dissipatore, niente piu', niente meno.

      Elimina
    3. mi spiego:
      potrebbe sembrare che sia tanta, ma se guardi attentamente le foto, magari una in HD su internet, noti che il quadratino al centro del processore, è più alto del resto della paistra, di circa 1mm, quindi ne ho dovuta mettere di più per compensare il fatto che non tutta la superfice avrebbe aderito perfettamente al dissipatore

      Elimina
  5. Ciao, complimenti! Anche io ieri stavo alla maker faire e me ne sono accaparrato uno :D. Una cosa però ho notato, sulla scheda c'è scritto che può avere in entrata al massimo 5V con 2 A. Sull'alimentatore che sta in scatola però c'è scritto che eroga 5v a 3A. Secondo me questo ridurrà la vita del processore, anzi forse lo brucerà a breve! Dimim cosa ne pensi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la corrente non è mai troppa. gli alimentatori forniscono sempre più dell'assorbimento massimo dichiarato. il riscio di bruciare viene da una Tensione elevata, come se ad esempio lo alimentassi a 6V. il motivo dei 3 invece che 2, è per alimentare i dispositivi usb che connetterai

      Elimina
  6. Mi affascina molto, ma per utilizzare questa scheda bisogna essere programmatori? Sai che non ho capito per cosa serve? Ma sto sbavando mi affascina non vedo l'ora di vedere il tuo primo capolavoro. A me lo hanno regalato da due giorni non so cosa farne HIHIHIHih strana la vita chi ha il pane non ha i denti chi ha i denti non ha il pane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti consiglio un bel viaggio su youtube per cominciare, scrivi arduino e vedi. in quanto ai requisti servono un minimo di competrnze elettroniche e di programmazione a oggetti. non è impossibile imaprare da soli comuque. chiedi pure per qualsiasi cosa

      Elimina
  7. Ciao, volevo chiederti un parere per un progetto e per una possibile collaborazione. Nulla di commerciale purtroppo :( sempre pura hobbysica tra appassionati. Come posso contattarti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non scrito i contatti in chiaro, però dalla pagina pui accere facilmente al mio profilo google, o trovarmi su facebook ;)

      Elimina